Massimo Fancellu

Coaching per il team

Dove sono – Il mio focus - Massimo Fancellu

Dove sono – Il mio focus

Sono un Coach professionista certificato PCC (Professional Certified Coach ) dalla ICF (International Coach Federation), specialista in Teambuiliding & Team coaching per lo sviluppo del lavoro di gruppo (specializzazione maturata con una formazione avanzata sui Team d’eccellenza).  
In Sardegna, la mia regione, sono il primo coach di riferimento per la formazione all’aperto e le attività esperienziali coi Team di lavoro.
1200 le ore di training svolte con 800 persone (dati 2017).

I Team aziendali sono il mio target privilegiato, penso sia chiaro.

Perché ho scelto di specializzarmi sui Team

Ancora una volta, grazie al professor Rosa!
Ero ancora uno sbarbato, infatti, quando il mio mitico docente di Organizzazione aziendale organizzava col Cestud i famosi Training Group per i suoi studenti: laboratori residenziali ispirati agli studi sulle dinamiche relazionali ideati per far emergere la capacità delle persone di scambiarsi informazioni, ascoltarsi, costruire regole di convivenza e apprendere attraverso l’esperienza.

E’ proprio partecipando a questi “ritiri liberi”, dove per 4 giorni ti ritrovavi a vivere assieme ad altri ragazzi in un contesto completamente destrutturato e privo di regole, che ho maturato un’attenzione particolare al gruppo e alle sue dinamiche. Una “convivenza forzata e anarchica” in cui, io per primo, ho sperimentato e toccato con mano, senza filtri, la forza sia distruttiva sia produttiva implicita nell’essere gruppo.

Nel ritorno alla “vita normale”, dopo ogni Training Group, mi sono così a mano a mano portato appresso importanti informazioni sui possibili modelli di relazione che si innescano fra le persone.
Un piccolo tesoretto di esperienza e consapevolezze che ha “dato il là” al mio percorso professionale coi Team.

Perché mi appassiona lavorare coi Team

Lavorare coi Team è una sfida impegnativa e complessa. Ma può dare grandi soddisfazioni.
Quelle che si portano in azienda le persone ogni volta che imparano a dialogare e collaborare in modo più disteso e produttivo. E quelle che mi porto a casa io, ogni volta che osservo il miglioramento di un gruppo.

Seguire un Team è seguire un processo: un passaggio graduale attraverso cui parti all’apparenza spesso contrapposte e disallineate si assemblano in un’entità unita e unica capace di grandi risultati (decisamente superiori come somma a quelli dei singoli).
Sono proprio questi risultati che si toccano con mano – in termini di positiva trasformazione delle relazioni, del clima di lavoro e delle prestazioni aziendali – ciò che rende avvincente il mio impegno al loro fianco.

"Team in 3 Passi" è la mia proposta per i gruppi aziendali impegnati in un progetto comune: un metodo pratico e originale da me ideato e sperimentato che si è rivelato decisivo per sostenere la loro crescita umana e produttiva.

Perché consiglio ai Leader un lavoro sul proprio Team

Per almeno 4 valide ragioni:

  1. Per una questione concreta e imprescindibile, anzitutto.
    Le aziende sono fatte di persone che interagiscono fra loro: volente o nolente, i gruppi presenti nelle realtà aziendali incidono sui risultati complessivi dell’impresa. Intervenire sulle dinamiche di un Team è, perciò, una strategia “astuta” per ottimizzare rendimenti e profitti.

  2. Perché è sperimentato che un Team più affiatato e motivato migliora la sua produttività e la sua efficienza: i profitti d’azienda aumentano, i conflitti si riducono, le assenze calano. Insomma, il benessere personale e le relazioni sociali possono trasformarsi nella più grande risorsa in un Team aziendale. Ci avevi già riflettuto?  

  3. Perché le tecnologie sono ugualmente disponibili per tutti, ma le differenze fra le persone continuano a fare la differenza. A patto che, naturalmente, queste differenze siano valorizzate e integrate in un gruppo che lavora bene assieme. Il genio solitario non interessa più a nessuno ormai.  

  4. Perché di nuovi stimoli, ogni tanto, c’è sempre bisogno.
    Anche quando il Team è già affiatato e motivato: ogni gruppo aziendale è un work in progress, infatti. Guai a considerarsi arrivati: quando ciò avviene, in genere, si è fermi!
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.